Scadenza 25 giugno 2012

Sono in uscita in questo periodo i bandi che daranno il via all'iniziativa della Regione "Dai distretti produttivi ai distretti tecnologici 2", per l'innovazione dei distretti. Complessivamente mettono a disposizione delle imprese 8,5 milioni di euro. Serviranno per assumere per un anno nuovi ricercatori e sostenere i progetti d'innovazione di 93 reti d'impresa, ognuna delle quali dovrà coinvolgere almeno 3 aziende.

Scopo dell'iniziativa è quello di promuovere una significativa evoluzione dei distretti produttivi regionali verso distretti tecnologici, attraverso l'adozione di metodologie e strumenti di knowledge management, open innovation, design management e sviluppo creativo da attuarsi attraverso la costruzione di reti per la ricerca.
Nove i bandi emessi a oggi, gestiti da cinque Organismi: Tecnologie e materiali per le costruzioni (Larcoicos); Macchine per il packaging (Crit ); Motori e pompe, Biomedicale e protesica, Autoveicoli e mezzi di trasporto, ICT e multimedia (Democener-Sipe ); Nautica e Sistema moda (Cna Innovazione); Elettronica e meccanica di precisione (T3Lab).

Tra i 16 distretti principali individuati a livello regionale anche quello del Sistema Moda, per il quale è Ente attuatore CNA-INNOVAZIONE in partenariato con Democenter-SIPE. Il bando finanzia reti di almeno 3 imprese ciascuna che dovranno lavorare su un tema specifico, tra quelli citati sotto. In particolare, per il distretto di Carpi, è previsto l'intervento sui temi relativi alla "Gestione filiera nel sistema Moda" , alla "Vestibilità e Moda per persone a ridotta autonomia motoria e

Ogni bando resterà aperto in media 2 mesi (quello di CNA innovazione, relativo al Sistema Moda scade il 25 giugno 2012) , e possono partecipare raggruppamenti di imprese disposti a firmare – in caso di aggiudicazione del finanziamento – un contratto di rete o la costituzione di un consorzio. Devono farne parte almeno tre piccole e medie imprese, oppure una grande azienda e almeno quattro PMI. Il progetto d'innovazione deve avere una durata minima di 12 mesi e concludersi improrogabilmente entro il 31 dicembre 2013.
Ogni rete lavorerà su un tema specifico, già definito dal bando emanato; per il Distretto Moda sono stati individuati 6 temi su cui le imprese potranno lavorare:

− 1. fashion biologico
− 2. atelier virtuali per nuove modalità di interazione col cliente
− 3. vetrine interattive x aumentare esposizione prodotti nel punto vendita
− 4. gestione filiera nel sistema Moda
− 5. vestibilità e moda per persone a ridotta autonomia motoria
− 6. Materiali innovativi per la Moda

Democenter- SIPE nell'ambito dell'iniziativa Carpi Fashion System fornirà un ulteriore supporto alle imprese del distretto di Carpi in particolare sui temi relativi alla gestione della filiera nel sistema Moda che prevede l'individuazione di soluzioni organizzative e strumenti ICT di gestione e di collaborazione, per reti di piccole-medie imprese, orientate all'efficienza della filiera e alla protezione dell'autonomia e del know-how della singola azienda, in presenza di problematiche di natura finanziaria, organizzativa, produttiva, commerciale e tecnologica; sul tema della vestibilità e moda per persone a ridotta autonomia motoria con la promozione di processi di diversificazione di prodotti di abbigliamento rispondenti a requisiti d'uso di persone non autosufficienti e la creazione di linee di prodotti MODA che uniscano stile, funzionalità ed elevata vestibilità; sul tema, infine, dei Materiali innovativi per la Moda si lavorerà sull'individuazione di filati e tessuti in grado di migliorare le caratteristiche funzionali ed estetiche dei capi finiti e si lavorerà sia sulle fibre (naturali, artificiali e sintetiche) che le sostanze utilizzabili nei processi di finissaggio e tintura.

Saranno considerate ammissibili le spese per il nuovo personale di ricerca, per un periodo massimo di 12 mesi; per il personale di ricerca interno; per un tutor scientifico e una figura manageriale di coordinamento del raggruppamento e per la sua costituzione; per contratti di collaborazione con laboratori della Rete Alta Tecnologia, universitari e di Enti di ricerca nazionali; per consulenze specialistiche.

All'interno del bando si lavorerà inoltre sullo sviluppo di alcuni temi trasversali, relativi al design management, open innovation, knowledge management e sulla messa a disposizione di strumenti specifici per le imprese. In questo ambito si prevede di rendere accessibile e fruibile il Labirinto della Moda, ovvero l'archivio di documentazione tecnica sulla Moda che si configura come un potente strumento di knowledge management, acquisito e messo a punto dai Centri di servizio al tessile presenti sul territorio del distretto di Carpi, in particolare da CITER. Si tratta di un archivio composto da diversi settori, tra cui oltre 50.000 tra punti maglia e tessuti, 1.500 books di tendenza, 25.000 riviste moda, 60.000 immagini moda che possono offrire a stilisti e creativi la possibilità di effettuare ricerche mirate in fase di progettazione.

" Il bando distretti e i temi individuati si presentano come un'opportunità per riattivare l'interesse, anche a livello regionale, sulla filiera e per orientarla verso nuove modalità operative che poggino sull'investimento su innovazione e ricerca." sottolinea Simone Morelli, Assessore all'Economia del Comune di Carpi. " Nel sistema moda, ricerca e innovazione sono infatti considerati dagli operatori un'attività quotidiana, che però vengono in realtà ricondotti allo sforzo creativo che la progettazione delle collezioni comporta. Questa attività, pur importantissima, non può essere sufficiente ad affrontare i mercati dove sono in atto mutamenti radicali e si rischia di orientare l'innovazione al breve periodo. L'introduzione di innovazione nel sistema Moda ha anche a che fare con temi di ricerca e discipline apparentemente esterni alla Moda ma che a questa possono offrire importanti stimoli all'innovazione. Chimica, biologia, scienze dei materiali, ICT e altri ambiti, accoppiandosi alle tematiche della moda, possono rivelarsi ambiti di ricerca capaci di offrire importanti soluzioni alle criticità di innovazione del distretto. Il Comune di Carpi ha fortemente sostenuto la candidatura del progetto, il quale avrà forti ricadute sulle filiere produttive distrettuali".


Per informazioni e per scaricare il bando: http://www.cnainnovazione.it/distretti/Bando_Distretto_Moda_16.4.2012.pdf